Questo sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, si acconsente all'uso dei cookie.

Chiudi
Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Notizie

Covid-19: Sintesi delle azioni intraprese in tutto il mondo dall’Ordine di Malta

19/05/2020 


L’Ordine di Malta sta potenziando il suo impegno in tutto il mondo per affrontare la pandemia di Covid 19. Molti dei progetti socio-sanitari nei 120 paesi in cui operano i corpi di soccorso e di volontariato delle sue Associazioni sono stati ampliati e/o convertiti in programmi di prevenzione e cura dei malati di Covid. L’assistenza medica e logistica è fornita al sistema sanitario nazionale dei paesi colpiti, in conformità con le linee guida dei governi. Sono stati aperti nuovi reparti ospedalieri per i pazienti Covid e gli ospedali esistenti gestiti dall’Ordine di Malta sono stati convertiti in unità di terapia intensiva.

Nei paesi in cui le condizioni igieniche di base sono precarie, sono state realizzate campagne di sensibilizzazione e sono stati migliorati i servizi WASH (acqua, servizi igienici, igiene). A causa delle severe normative in vigore nei paesi in cui è in corso l’isolamento, alcune attività dell’Ordine che forniscono assistenza sociale sono state ridotte, ma molte altre sono state rafforzate, in particolare per far fronte alle grandi difficoltà economiche che molte persone stanno affrontando. In molti paesi, i volontari dell’Ordine di Malta assicurano la consegna regolare di generi alimentari e beni di prima necessità, oltre ad offrire assistenza medica regolare. Molte associazioni, sostenute dalle ambasciate dell’Ordine, riescono a continuare le visite domiciliari di routine, garantendo assistenza medica agli anziani.

L’Ordine di Malta ha inoltre messo in campo professionisti per affrontare gli effetti psicologici della quarantena e dell’isolamento imposti, che causano disagio emotivo e disturbi psicologici, a partire dalla depressione.

La rete diplomatica dell’Ordine di Malta è pienamente impegnata a promuovere una migliore conoscenza del virus e delle sue misure di contenimento. Il progetto “Doctor to Doctor”, lanciato in collaborazione con Forward Thinking, un think-tank con sede a Londra, ha creato una rete di esperti nel campo dell’epidemiologia e della virologia, che incontrano online medici nei paesi del Medio Oriente per discutere le migliori pratiche e degli ultimi progressi della ricerca medica. Il progetto si rivolge in particolare ai Paesi le cui infrastrutture sanitarie sono impreparate o difettose. Finora si sono svolti incontri online con le autorità sanitarie della Palestina e dello Yemen.

In questo terzo rapporto, troverete una sintesi dei principali interventi in corso.

EUROPA

I volontari dell’Ordine di Malta in Albania sono impegnati nella consegna a domicilio di medicinali, alimenti e materiale igienico agli ospiti anziani del Centro Comunitario di Scutari. Il progetto Mountain, finalizzato a fornire assistenza alle comunità che vivono in aree remote, è attivo con la consegna di medicinali e assistenza medica speciale.

In Austria è stato fornito un ampio sostegno per l’allestimento e la gestione degli ospedali da campo nel centro fieristico di Vienna (4.000 posti letto) e di Salisburgo (700 posti letto). La distribuzione di cibo ai poveri continua a Vienna, a Salisburgo e a Innsbruck. Molte altre attività sono ancora in corso nel quadro di rigorose misure di prevenzione, come l’assistenza domiciliare e l’assistenza ai bambini disabili.

In Belgio, i due centri sociali per i senzatetto “La Fontaine” a Liegi e Bruxelles sono aperti ma offrono servizi limitati: solo docce e assistenza medica. Vengono attuate rigorose misure di prevenzione sia per gli assistenti che per gli ospiti. Vengono accolte solo persone già conosciute o presentate dal servizio sociale.

Nella Repubblica Ceca le attività si concentrano sull’assistenza ai senzatetto. I volontari forniscono aiuto ai senzatetto nella “Locanda ceca”, un albergo offerto dal Comune di Praga per ospitare circa 65 senzatetto.

All’inizio della pandemia, Ordre de Malte France ha creato un centro di crisi e attivato un piano di continuità per i principali servizi di aiuto. È stata data la massima continuità ai programmi di aiuto per i senzatetto, tra cui la consegna di cibo, i rifugi diurni e notturni. A Parigi pacchi alimentari vengono distribuiti due volte al giorno alle persone bisognose. I volontari dell’Ordine sono anche coinvolti nel trasporto dei pazienti Covid 19 da Parigi agli ospedali della provincia. È stato lanciato anche il programma “Soli’Malte”: un servizio di emergenza di strada per fornire ai bisognosi, che vivono in tredici grandi città, quattro servizi di base: cibo, assistenza medica, kit igienici e supporto psicologico.

Il team di crisi istituito dall’Ordine di Malta in Germania coordina tutte le azioni per implementare i protocolli generali sia per le strutture ospedaliere (ospedali, strutture di assistenza agli anziani, strutture per la migrazione, strutture per l’assistenza ai giovani, ospizi), sia per i servizi sociali ambulatoriali (servizio di soccorso, assistenza ambulatoriale, chiamata d’emergenza a domicilio, servizio pasti). Gli 11 ospedali gestiti dall’Ordine di Malta nel paese sono inclusi nel sistema sanitario nazionale e seguono i protocolli dei piani locali in caso di pandemia (ad esempio l’allestimento di tende per preparare il ricovero dei pazienti, lo sviluppo delle capacità di terapia intensiva, la cancellazione / rinvio degli interventi programmati, la limitazione degli orari di visita). Sono stati sviluppati nuovi servizi di volontariato, tra cui servizi di shopping, servizi di visita telefonica, produzione di maschere, servizi di consegna di cibo e altri beni per i bisognosi e i senzatetto, servizi per i rifugiati. L’Ordine di Malta gestisce inoltre ambulatori medici mobili, strutture di quarantena, stazioni di screening davanti agli ospedali, centri di test che effettuano il sistema “drive in”.  Il servizio di ambulanze è stato ampliato al trasferimento dei pazienti in altri ospedali. L’accesso alle strutture di assistenza agli anziani è stato rigorosamente limitato e sono state attuate tutte le misure di prevenzione per evitare le infezioni. L’Ordine di Malta in Germania ha distribuito 110.000 maschere ad altre organizzazioni umanitarie dell’Ordine in Europa.

In Gran Bretagna è stato avviato il “Progetto Brompton”, in cui ogni settimana membri e volontari confezionano abiti e materiale essenziale per la distribuzione ai senzatetto di Londra che ora si trovano in ostelli e alberghi. Sono stati donati tablet alle 70 case di riposo dell’Ordine (in 4 contee), in modo che i residenti possano rimanere in contatto con i familiari. È stata istituita una hotline per coloro che hanno bisogno di consigli, informazioni o supporto.

Molte attività di prevenzione sono state sviluppate dall’organizzazione ungherese dell’Ordine di Malta, tra cui un sito web che fornisce nuovi contenuti quotidiani e infografiche educative sulle misure di protezione contro Covid 19. Maschere facciali lavabili e riutilizzabili vengono prodotte nel laboratorio di cucito, nell’ambito del programma di integrazione del governo per i Rom guidato dal servizio di soccorso ungherese dell’Ordine di Malta. Queste vengono poi distribuite nelle zone rurali povere e nelle istituzioni gestite dall’Ordine di Malta in Ungheria. L’Ambasciata dell’Ordine di Malta sostiene sia l’Associazione che l’organizzazione umanitaria. Un nuovo servizio è stato sviluppato per fornire alle 30 case di accoglienza per anziani o disabili beni di prima necessità.

In Irlanda il personale dell’Ordine di Malta gestisce un Community & Remote Support Service – che fornisce supporto e assistenza in materia di igiene personale, cibo, prescrizioni mediche, cucina casalinga, progetti di giardinaggio, ecc. Altre attività sono svolte nel rispetto della normativa nazionale. Il programma “Care in the Community” continua a fornire assistenza agli anziani, alle persone vulnerabili, agli emarginati e ai senzatetto.

Il Corpo Italiano di Soccorso dell’Ordine di Malta è stato fortemente coinvolto nella trasformazione in ospedale specializzato Covid di due padiglioni della Fiera Milano (200 posti letto per cure intensive e sub-intensive), con consistenti donazioni di privati ed enti. Il nuovo Ospedale è stato inaugurato all’inizio di aprile con i primi 30 posti letto di terapia intensiva. Il Corpo Italiano di Soccorso ha inoltre partecipato alla realizzazione di un ospedale con 84 posti letto per terapia intensiva a Civitanova Marche, dove la locale Delegazione fornisce il supporto logistico. L’ospedale è ora aperto e funzionante. L’Ospedale San Giovanni Battista di Roma, gestito dall’Ordine di Malta, ha convertito la sua capacità di accoglienza con 100 posti letto per i pazienti attuali (uno per camera), 40 posti letto isolati per i nuovi pazienti e 18 posti letto per i pazienti sospetti di infezione. A Genova i medici dell’Ordine stanno fornendo assistenza (attraverso servizi medici, logistici, psicologici e spirituali) ai pazienti ricoverati nella nave ospedale Splendid ormeggiata nel porto.

Nelle Delegazioni dei tre Gran Priorati continuano le consegne a domicilio e per strada di generi alimentari, medicinali, dispositivi di protezione individuale e beni di prima necessità per anziani e bisognosi. Il Corpo Militare ha mobilitato centinaia di volontari per offrire assistenza tecnica per prestare servizio nell’ospedale militare di Baggio, nell’ospedale di Gravedona, nell’ospedale da campo di Crema e per pattugliare le strade cittadine, anche con i droni, per prevenire le violazioni delle restrizioni di Covid-19. È in corso anche il servizio di assistenza ai senzatetto, agli anziani che vivono negli istituti e ai detenuti, nonché ai malati di cancro. Sono ancora in corso gli screening dei passeggeri negli aeroporti di Milano Malpensa, Venezia, Pisa, Bari, Catania e Torino. Il supporto psicologico con un numero verde è fornito da professionisti.

Sono in corso attività per i poveri e i bisognosi in Lituania, tra cui i servizi ” Meals on wheels ” e “Assistenza domiciliare”. Oltre 4.000 litri di gel disinfettante e 4.000 maschere mediche monouso sono stati distribuiti a 47 istituzioni sanitarie. L’assistenza al centro sanitario del comune di Vilnius viene fornita incontrando i viaggiatori all’aeroporto di Vilnius e fornendo loro informazioni sulle misure preventive. Il corpo di soccorso lituano partecipa anche alla fortunata campagna nazionale di raccolta fondi “Aiuta i medici lituani” per aiutare gli ospedali con attrezzature mediche e kit igienici.

A Malta le attività si concentrano soprattutto sull’acquisto e la distribuzione di cibo e altri articoli essenziali per le famiglie bisognose a Malta e a Gozo. I prodotti per l’igiene sono stati donati a un centro per migranti e rifugiati.

I programmi “Meals on wheels” in Polonia sono stati ampliati. Qui l’Ordine di Malta ha distribuito agli ospedali 10.000 test. Sono stati raccolti materiali igienici per l’ospedale di Barczewo e per la casa di cura per malati mentali di Szyldak. A Varsavia i pasti sono distribuiti due volte alla settimana alle persone bisognose. Viene offerta assistenza per gli acquisti e i trasporti, nonché alle famiglie con bambini disabili che rimangono a casa a causa della chiusura degli asili dell’Ordine. A Cracovia un membro dell’Associazione Polacca ha offerto due alberghi al Comune come centri di isolamento. I volontari si occupano della logistica, della pulizia e della consegna dei pasti.

Nel nord del Portogallo sono state allestite quattro tende da campo in due ospedali e rimangono 16 tende da campo da allestire in coordinamento con le autorità nazionali. L’associazione gestisce un rifugio per i senzatetto a Porto in un ex ospedale, dove gli ospiti ricevono cibo, assistenza (doccia e servizi di vestiario) e sorveglianza medica in caso di sintomi di Covid 19. Viene inoltre fornita assistenza in quattro rifugi per i senzatetto a Lisbona. L’associazione fornisce anche supporto con un’equipe medica volontaria all’ospedale da campo di Porto.

L’Ordine di Malta in Romania ha fornito 60.000 visiere facciali a ospedali e medici, paramedici e personale di ONG che lavorano con gruppi a rischio. È stata lanciata una campagna di raccolta fondi per acquistare altre visiere. È stata offerta una formazione per il personale e i volontari sulle misure di prevenzione. Il cibo viene regolarmente distribuito a persone anziane e disabili in varie città. Sono state istituite linee telefoniche per fornire raccomandazioni e indicazioni.

L’Ambasciata del Sovrano Ordine di Malta nella Repubblica di Serbia, insieme alle associazioni di beneficenza dei Santi degli Ultimi Giorni, fornisce assistenza soprattutto a coloro che hanno più di 65 anni. Durante i mesi di aprile e maggio, giovani volontari hanno distribuito cibo e generi di prima necessità principalmente a questo gruppo di persone.

Il servizio di distribuzione di cibo è stato ampliato in Slovacchia, dove è in corso anche il sostegno ai senzatetto. Medicinali e prodotti farmaceutici sono distribuiti a persone in isolamento. All’ingresso dell’ospedale di Nitra è stata aperta una tenda per lo screening. In Slovenia l’Ambasciata dell’Ordine di Malta sta lavorando per ottenere il maggior numero possibile di maschere protettive. I volontari dell’Ordine forniscono assistenza sanitaria, trasporti, cure di base e servizi di assistenza personale e forniscono medicinali, cibo o pasti pronti, beni di prima necessità a persone bisognose e disabili, soprattutto nelle zone rurali.

I volontari dell’Ordine in Spagna forniscono e consegnano centinaia di pacchi con cibo alle persone bisognose a Madrid e a Siviglia. Su richiesta del Comune di Siviglia, è stata lanciata una nuova iniziativa per l’iscrizione di lavoratori temporanei per le prossime raccolte agricole in Andalusia. In gestione congiunta con la Caritas, un hotel, offerto da un membro dell’Ordine a Barcellona, è stato trasformato in un ospedale di emergenza.

L’Ordine di Malta in Ucraina ha donato materiale medico monouso all’Ospedale per le malattie infettive e all’Ospedale clinico cittadino di Ivano-Frankivsk. È assicurata anche l’assistenza agli sfollati.

AMERICHE

Presso il Centro Asistencial Cruz de Malta a San Paolo del Brasile sono state attuate tutte le necessarie misure di prevenzione. I servizi medici funzionano con priorità alle emergenze e alla campagna di vaccinazione dell’influenza.

In Colombia è stato attivato un programma specifico per aiutare le persone colpite dalla crisi economica, causata dalla pandemia, dove vengono distribuiti regolarmente cibo e beni di prima necessità per tutta la settimana, in alcune zone di Bogotà e nella città di Cucuta, oltre che per i migranti provenienti dal Venezuela. I primi casi di Covid 19 sono stati segnalati nell’area di progetto del Malteser International – l’agenzia di soccorso internazionale dell’Ordine di Malta. Il progetto di assistenza ai rifugiati venezuelani è stato adattato alla situazione attuale. L’Ordine di Malta ha sostenuto la campagna nazionale “Colombia cuida a Colombia” per rafforzare la collaborazione tra la società civile, il settore privato e il governo per mitigare l’impatto negativo della crisi di Covid 19 sulle persone più vulnerabili

È in corso la distribuzione di scatole di prodotti alimentari non deperibili ai residenti dei quartieri emarginati delle città della Repubblica Dominicana. L’Ordine di Malta riceve donazioni di medicinali e attrezzature mediche da donatori internazionali che vengono distribuiti alla rete di oltre 300 strutture sanitarie e mediche in tutto il paese; in particolare, la distribuzione di oltre 1400 scatole di materiale medico e di protezione personale a tre ospedali pubblici di Santo Domingo.

In Messico sono state attuate tutte le misure di prevenzione necessarie per il personale, i volontari e i beneficiari. Sono in corso campagne di informazione attraverso i media. In Perù è assicurata la consegna di pacchi alimentari alle persone bisognose nei villaggi emarginati e nella zona di Ate Vitarte nella Lima orientale. Viene inoltre fornito sostegno al Ministero della Salute per il trasporto del sangue in diversi ospedali. Il Malteser International ha anche iniziato a effettuare visite a domicilio agli anziani. A Porto Rico sono stati distribuiti i primi 100 pacchi alimentari alle persone vulnerabili regolarmente assistite. In Uruguay, nella città di Salto, vengono consegnati pasti caldi ai bambini indigenti e ai senzatetto. A Montevideo si presta la cucina del quartier generale a un gruppo di volontari per la preparazione di pasti caldi per i senzatetto.

La clinica medica mobile della Casa di cura di Malta, nel Connecticut, negli Stati Uniti, in collaborazione con l’ospedale, ha allestito un drive through per il test del coronavirus vicino a un viale circolare molto trafficato, proprio di fronte all’ospedale di San Francesco. L’Associazione Federale assicura la distribuzione di cibo e l’attività di una mensa per i poveri. I disinfettanti per le mani, cibo e acqua sono distribuiti alle parrocchie e alle banche del cibo in Florida, New Jersey e New York.

AFRICA

Tutte le misure di prevenzione necessarie sono state attuate negli ospedali dell’Ordine di Malta in Africa, a partire da quello di Djougou in Benin e dall’ospedale di Bodo, in Costa d’Avorio. Qui è stato allestito anche un ospedale da campo per il pre-triage e per essere pronti ad accogliere i pazienti della Covid 19 in caso di necessità. Tutti gli sforzi nei settori dell’assistenza sanitaria e del WASH sono stati riorientati verso i progetti di prevenzione di Covid 19. Sono state intensificate le attività di formazione e le campagne di sensibilizzazione.

In Uganda, sono stati ottenuti finanziamenti per la creazione del primo reparto di isolamento del Paese in collaborazione con il Lubaga Catholic Hospital. I materiali per l’isolamento nella Repubblica Democratica del Congo acquistati per la risposta di Ebola sono in fase di riallocazione per Covid 19. Nel Sud Sudan, si stanno realizzando spettacoli teatrali di strada e canzoni educative per sensibilizzare la popolazione e incoraggiare l’adozione di precauzioni. Il pranzo è previsto per circa 2.000 bambini in età scolare.

La “Confraternita del Beato Gerardo”, l’organizzazione di soccorso sudafricana dell’Ordine di Malta, gestisce il più grande ospizio di degenza in Sud Africa, con oltre 700 malati di AIDS in cura: quasi il 100% dei pazienti ha ricevuto le medicine per i prossimi due mesi in anticipo, per assicurarsi di non dover lasciare la propria casa per ricevere le medicine. I pacchi alimentari sono distribuiti a più di 500 tra i pazienti a domicilio e i malati di AIDS. La casa dei bambini, anch’essa parte dell’organizzazione gestita dall’Ordine di Malta, è chiusa alle visite esterne, e i bambini – molti dei quali con problemi di salute pregressi – sono tenuti sotto sorveglianza dal personale dedicato. Gli educatori cuciono le maschere con i bambini perché è sempre più difficile acquistare tali dispositivi di protezione. L’ambulatorio per la malnutrizione ha distribuito cibo per bambini sufficiente per il periodo di chiusura previsto,

ASIA

In Afghanistan, in collaborazione con un partner locale, l’Ordine di Malta sostiene i funzionari sanitari nello screening dei pazienti e nella promozione dell’igiene. C’è grande preoccupazione per le condizioni sanitarie dei rifugiati Rohingya nei campi di Cox Bazar in Bangladesh. A tal fine è stato approntato materiale medico e igienico per il progetto sanitario di Malteser International, integrato con un sistema di lavaggio delle mani. I progetti in Myanmar, Tailandia, Bangladesh e Cambogia hanno aggiunto attività di prevenzione Covid 19 nei settori della salute e del WASH, tra cui campagne di informazione, distribuzione di articoli per l’igiene, stazioni per il lavaggio delle mani e test. In Tailandia sono state create strutture di isolamento per i potenziali pazienti di Covid 19 nei campi profughi. L’Ordine di Malta in Tailandia continua a consegnare ai residenti di Klong Toey sacchetti di cibo di cui c’è grande bisogno, soprattutto agli anziani, ai genitori single e alle famiglie numerose che si trovano in condizioni di estrema difficoltà finanziaria a causa di Covid 19.

In Pakistan il Malteser International ha intensificato le campagne di igiene offrendo strutture per lavarsi le mani. L’Ordine ha inoltre distribuito cibo a 3.600 beneficiari nella provincia del Sindh, gravemente colpita dalla chiusura.

Nelle Filippine, l’Ordine di Malta consegna pacchi alimentari e flaconi di alcol per la promozione dell’igiene, assistendo circa 2.400 famiglie bisognose. Fornisce anche sacchi di riso da distribuire ad alcune parrocchie di Manila. L’associazione ha fornito all’Ospedale Generale delle Filippine e al Dr. Jose Rodriguez Memorial Hospital 100 set completi di dispositivi protettivi personali.

La Corea del Sud ha distribuito i primi 1700 kit di emergenza (cibo, prodotti per l’igiene) per adulti e bambini a Seoul, Incheon e Daegu.

MEDIO ORIENTE

In Libano, in collaborazione con il Ministero della Salute, si sta svolgendo una campagna di informazione in tutti i centri socio-sanitari. Sono in corso le attività dei dieci centri medici e sociali per le visite più importanti, soprattutto per i malati cronici. Le cliniche mobili nel nord e nel nord-est continuano ad operare con misure di sicurezza più elevate per proteggere i dipendenti e i pazienti. La terza clinica nel sud è ancora in funzione come polo di riferimento.

Inoltre, l’associazione libanese sta eseguendo test diagnostici nelle zone rurali in collaborazione con la Croce Rossa libanese e sostiene le famiglie bisognose sotto forma di contributo finanziario e ha donato all’esercito libanese 5 ventilatori, 1.000 test rapidi e 1.000 test della RPC.

L’assistenza medica, compreso un progetto WASH, in Siria prosegue con l’attuazione di misure di prevenzione. Una parte dei finanziamenti aggiuntivi ricevuti sarà dedicata alla prevenzione di Covid 19 nella regione di Idlib.

In Palestina, l’Ospedale della Sacra Famiglia dell’Ordine a Betlemme ha allestito una sala operatoria specifica per i pazienti della Covid-19 in caso di necessità.

Una serie di incontri online “Doctors to Doctors” sono stati organizzati dalla rete diplomatica dell’Ordine di Malta in collaborazione con un Think Tank – Forward Thinking – con sede a Londra, per consentire ai paesi del Medio Oriente di apprendere le migliori misure mediche e di prevenzione. Finora questi incontri, ai quali hanno partecipato medici, virologi, epidemiologi, si sono svolti con le autorità sanitarie in Palestina e Yemen. Nei prossimi giorni sarà organizzata una nuova tavola rotonda con la Giordania. Gli esperti medici dell’Ordine di Malta in prima linea nella gestione della pandemia sono invitati a partecipare.

OCEANIA

In Australia oggetti di prima necessità sono distribuiti agli anziani e ai senzatetto. Quest’inverno, oltre a distribuire 6.000 cappotti per i senzatetto in ogni Stato e territorio, l’Associazione australiana fornirà anche articoli per l’igiene ai senzatetto per proteggerli dai Covid-19.

covid19 sintesi azioni intraprese in tutto mondo ordine di malta

Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Palazzo Magistrale, Via Condotti, 68 – 00187 Roma – Italia

Tel. +39.06.67581.1, [email protected]