Questo sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, si acconsente all'uso dei cookie.

Chiudi
Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta
*

Notizie

In Iraq sono oltre tre milioni le persone costrette ad abbandonare le proprie case

Colonia, 17/08/2015 


L’Ordine di Malta, con la sua Agenzia di soccorso internazionale – il Malteser International – aumenta il suo impegno con nuove cliniche mobili

Da quando circa un anno fa gli iracheni sono stati costretti a fuggire in massa da Mosul e dalle montagne di Sinjar, più di tre milioni di persone sono scappate dal gruppo terroristico cosiddetto ISIS in Iraq. Le Nazioni Unite stimano che saranno 1,7 milioni le persone che si aggiungeranno a questo numero entro la fine dell’anno.

Il Malteser International – l’Agenzia di soccorso internazionale dell’Ordine di Malta – intende espandere i suoi programmi di assistenza medica nel Paese inviando cliniche mobili nelle regioni più a sud, al fine di far fronte al numero crescente di sfollati. “Stiamo mantenendo la mobilità delle nostre cliniche per essere in grado di reagire rapidamente ed efficacemente a nuovi spostamenti della popolazione e per portare alle persone che stanno soffrendo l’aiuto di cui hanno bisogno”, ha detto la responsabile del soccorsi di emergenza del Malteser International Nicole Müller poco dopo il suo ritorno dal nord dell’Iraq.

Il Malteser International attualmente fornisce assistenza medica ai rifugiati e agli sfollati ad Erbil e nei suoi dintorni con un team medico mobile e con cliniche fisse che si trovano in due dei campi profughi nella regione.

“Solo circa il 10% di tutti i rifugiati vive nei campi in questo momento. La maggioranza vive con i familiari, in alberghi, case private o rifugi in spazi aperti”, spiega Nicole Müller. “Con le squadre mediche mobili possiamo raggiungere queste persone che altrimenti al di fuori dei campi non avrebbero accesso alle cure mediche”. Le squadre del Malteser International in Iraq sono composte interamente da iracheni sfollati.

Allo stesso tempo, la necessità umanitaria nei campi profughi è grande e il numero di persone è destinato a crescere ulteriormente. “Nei due campi in cui forniamo assistenza medica, vivono al momento un totale di 25.000 sfollati, il 90% dei quali sono yazidi fuggiti dalle montagne Sinjar. La maggior parte di loro non possono e non vogliono tornare ai loro villaggi perché tutto è stato distrutto”, ha detto Müller.

“Oltre a questo, ci sono altre persone sfollate che arrivano ogni giorno dalle aree al centro delle violenze. Molte delle persone che hanno vissuto negli alberghi fino ad ora saranno presto in cerca di rifugio nei campi profughi: le loro risorse a poco a poco si esauriscono perché non riescono a trovare un lavoro”.

A causa di un’ondata di caldo nel paese, che ha portato le temperature fino a 50 gradi, molti degli sfollati iracheni soffrono di malattie gastrointestinali e della pelle come la scabbia. “La fornitura di acqua per i rifugiati costituisce un grande problema”, spiega ancora Müller. Per questo al di fuori di Erbil, il Malteser International sta fornendo a circa 800 famiglie acqua potabile in collaborazione con il Danish Refugee Council.

Il Malteser International è presente nel nord dell’Iraq dall’agosto 2014. In collaborazione con partner locali, ha fornito cure mediche a circa 45.000 malati, feriti e sfollati e ha distribuito kit igienici e beni di prima necessità a quasi 10.000 persone.

Foto: Carmen Wolf

Indietro Avanti

in iraq sono oltre tre milioni le persone costrette ad abbandonare le proprie case

Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Palazzo Magistrale, Via Condotti, 68 – 00187 Roma – Italia

Tel. +39.06.67581.1, [email protected]