Questo sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, si acconsente all'uso dei cookie.

Chiudi
Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta
*

Notizie

Oltre cinque milioni di persone rischiano di morire di fame in Sud Sudan

Sud Sudan, 21/06/2017 


È aumentato a oltre cinque milioni – quasi la metà della popolazione del Paese – il numero stimato delle persone che hanno bisogno di assistenza umanitaria nel Sud Sudan. Di queste, 100 mila rischiano di morire di fame a causa della guerra civile e di una economia al collasso. Dopo un viaggio compiuto la scorsa settimana per verificare la situazione e le necessità attuali, il presidente di Malteser International Europa, Douglas von Saurma-Jeltsch, ha annunciato un aumento dei finanziamenti per le popolazioni colpite nella regione, dove l’agenzia di soccorso internazionale dell’Ordine di Malta opera da 20 anni.

La lotta contro la malnutrizione

La guerra civile e l’instabilità hanno costretto decine di migliaia di persone nella regione di Wau, a nordest della capitale Juba, a cercare rifugio nei campi profughi e nelle tendopoli. Hanno dovuto lasciare tutti i propri beni insieme al raccolto dell’ultimo anno e perderanno la stagione della semina del 2017, che porterà ad una grave instabilità alimentare nella regione.

Nella lotta contro l’insicurezza alimentare, Malteser International fornisce pasti gratuiti a circa 3.000 bambini in età scolare in uno di questi campi, mentre altri 2.000 ricevono i pasti in un progetto del Malteser International a Juba. L’agenzia sta costruendo pompe per garantire acqua potabile, mentre lo staff distribuisce sapone a 18.000 persone nei campi per migliorare l’igiene.

“A Wau c’è grandissima miseria. La situazione è anche peggiore che a Juba. Sono tanti i bambini che vivono in strada. Un grande numero di persone è in grave situazione di necessità. Sarebbe facile perdere la fiducia, ma ci sono persone che possiamo raggiungere ed aiutare, e cerchiamo in ogni modo di fare per loro il possibile”, dice von Saurma-Jeltsch.

L’igiene del cibo è un fattore importante per la salute

“Il cibo che distribuiamo consiste in riso e fagioli”, continua. “Ieri l’ho assaggiato, ha un sapore veramente buono. Il cibo viene preparato ogni giorno fresco dallo staff nazionale del Malteser International, nella cucina della scuola. I bambini si formano lunghe code: prima devono lavarsi le mani. L’igiene prima di mangiare è un fattore molto importante per la salute, soprattutto in Sud Sudan. Per questo investiamo non solo nel cibo, ma anche nelle misure igieniche, per prevenire scoppi di epidemie, tra cui il colera. Il lavaggio delle mani e il mangiare sono strettamente legati”.

Solo con la pace potrà nascere qualcosa di nuovo

“Quel che è chiaro – non solo per me – è che in questo Paese deve tornare la pace. La guerra civile deve finire, perché soltanto sulla base della pace potrà nascere qualcosa di nuovo. Qualsiasi iniziativa venga qui presa, finché non ci sarà la pace avrà comunque sempre il sapore del temporaneo. In questo senso, è il desiderio della popolazione del Sud Sudan che anche con l’aiuto della comunità internazionale si possa trovare una soluzione”.

Il Malteser International ha lanciato un appello a donare per le vittime della siccità e della fame in Africa

Iban: DE103 7060 120 120 120 001 2

Bic: GENODED 1PA7

Causale: “Siccità e fame in Africa”

Oppure, per donazioni online: www.malteser-international.org

 

oltre cinque milioni di persone rischiano di morire di fame sud sudan

Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Palazzo Magistrale, Via Condotti, 68 – 00187 Roma – Italia

Tel. +39.06.67581.1, [email protected]