Questo sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, si acconsente all'uso dei cookie.

Chiudi
Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Notizie

Raccontare la propria vita come terapia per affrontare la morte con serenità


In una vita che si avvicina alla fine si può annidare un grande desiderio di raccontarsi, per sé e per gli altri. Per questa ragione i volontari dell’Ordine di Malta Victoria, Australia, hanno avviato un’iniziativa all’apparenza facile, ma di grande efficacia, il Biography Program. “Noi ci sediamo, semplicemente, e ascoltiamo”, racconta Tanya, una dei tanti volontari che da alcuni anni frequenta le case di persone giunte negli ultimi anni della propria vita e le aiuta a far riaffiorare ricordi per poi raccoglierli in una biografia.

Raccontare la propria esistenza ha una potente efficacia terapeutica: riportare a galla momenti di gioia, di successo, di dolore aiuta ad acquistare consapevolezza di quanto la propria vita sia stata ricca e piena di eventi. E può servire anche a ridimensionare e a dare il giusto peso alla fase finale, quella della malattia o della vecchiaia. Per molti partecipanti a questo programma, inoltre, la propria biografia diventa uno strumento per trasmettere messaggi ai famigliari, dare consigli, ricordare episodi e tramandare tradizioni. Tutto ciò può contribuire ad accettare la morte imminente con maggiore serenità.

L’effetto rassicurante non si limita al solo protagonista. Le biografie infatti aiutano anche le famiglie e gli amici che si trovano ad affrontare il lutto: averne una tra le mani è un modo per mantenere un legame, sentire la presenza di colui che ha lasciato questo mondo, sorridere nel ricordarlo.

I volontari dedicano molto tempo e grande impegno a questo programma: visitano più volte la casa dell’assistito, ascoltano i suoi racconti, li registrano, li trascrivono, li rivedono assieme a lui. Talvolta raccolgono altro materiale da associare al racconto: foto, canzoni, poesie. Sono necessari almeno una decina di incontri per collezionare una storia. E le biografie già pubblicate hanno una lunghezza che varia dalle 3 alle 170 pagine.

Premiato dal ministero della Sanità australiano, il programma, iniziato nel 1992, conta oggi 94 volontari. Ad ottobre 2018, erano state pubblicate circa un migliaio di biografie.

 

raccontare propria vita come terapia affrontare morte con serenita

Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Palazzo Magistrale, Via Condotti, 68 – 00187 Roma – Italia

Tel. +39.06.67581.1, [email protected]