Questo sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, si acconsente all'uso dei cookie.

Chiudi
Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Notizie

Il Kenya flagellato da piogge e inondazioni, l’intervento del Malteser International

10/12/2019 


Sono oltre 120 le vittime delle violente tempeste e inondazioni che hanno colpito il Kenya nelle ultime settimane. Dopo mesi di siccità, le fortissime piogge hanno portato ad allagamenti, smottamenti e frane in diverse regioni del Paese. Complessivamente sono circa 160.000 le persone toccate dall’emergenza e 18.000 hanno dovuto abbandonare le loro case.

“Il terreno inaridito non può assorbire l’acqua e le inondazioni portano via case, animali, alberi e terreni coltivati; le strade vengono distrutte e i soccorritori riescono a malapena a raggiungere le persone”, afferma Martin Schömburg, responsabile per il Kenya del Malteser International, l’agenzia di soccorso internazionale dell’Ordine di Malta. “È quindi essenziale riuscire a fornire assistenza il più rapidamente possibile”.

Per migliorare la situazione della popolazione locale, “il nostro personale ha permesso a 570 famiglie di acquistare cibo e altri beni essenziali grazie alla distribuzione di denaro in contante”. Inoltre, Malteser International cerca di assicurare il funzionamento dei pozzi per l’approvvigionamento di acqua potabile così da prevenire malattie. I bambini e le donne in gravidanza ricevono cibo supplementare ed integratori.

Alcune contee, come quella di Mombasa sulla costa, hanno registrato quasi il 300% di precipitazioni in più rispetto alla media di questo periodo, altre come Lamu, Malindi, Wajir, Narok e Mandera oltre il 200% in più della media. La spiegazione scientifica di queste precipitazioni così violente va attribuita a quel fenomeno meteorologico denominato “El Niño indiano”, cioè la differenza di temperatura dell’acqua tra l’Oceano Indiano occidentale e quello orientale, fino a 2 gradi Celsius. Come avviene nel Pacifico con El Nino, questa differenza provoca l’evaporazione dell’acqua che si trasforma e alimenta precipitazioni eccezionali.

“A causa del prolungato periodo di siccità, molte famiglie, specialmente nel nord del paese, riuscivano a consumare appena un pasto al giorno. La situazione è peggiorata ulteriormente da quando le inondazioni hanno portato alla devastazione delle colture e alla morte degli animali da allevamento, con conseguente aumento della malnutrizione”. Inoltre, spiega Schömburg, “cresce fortemente il rischio di malattie diarroiche come il colera, a causa dell’acqua stagnante”.

Secondo le Nazioni Unite, 3,1 milioni di persone in Kenya soffrono di gravi carenze alimentari.

kenya flagellato piogge inondazioni intervento malteser international

Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Palazzo Magistrale, Via Condotti, 68 – 00187 Roma – Italia

Tel. +39.06.67581.1, [email protected]