Questo sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, si acconsente all'uso dei cookie.

Chiudi
Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta
    Grand Chancellor 75th United Nations General Assembly

    Albrecht Boeselager ha chiesto una distribuzione equa, ampia e rapida del vaccino per il Covid-19

    La 75esima sessione dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite si è aperta il 15 settembre con il tema “Il futuro che vogliamo, le Nazioni Unite di cui abbiamo bisogno: riaffermare il nostro impegno collettivo per il multilateralismo – affrontare il Covid-19 attraverso un’efficace azione multilaterale”. La sessione si concluderà il 29 settembre e il Dibattito generale di alto livello, che quest’anno si tiene perlopiù online a causa delle restrizioni per la pandemia di Covid-19, è iniziato il 22 settembre per terminare il 26 settembre. I leader mondiali tengono i loro discorsi in formato virtuale. Nel suo intervento, il Gran Cancelliere del Sovrano Ordine di Malta, Albrecht Boeselager, ha sviluppato il tema centrale dell’incontro di quest’anno affermando: “Il multilateralismo ha consolidato la protezione di tutti, la dignità umana e la libertà religiosa”. Tuttavia, Boeselager ha ammonito sul rischio di un ritorno alla logica del potere, del nazionalismo e del populismo a scapito della logica del dialogo. “Oggi più che mai – ha spiegato – ogni persona di buona volontà deve far sentire la propria voce per garantire i diritti di tutti e di tutte le minoranze, il rispetto della dignità umana, la cooperazione internazionale e la solidarietà”.

    Il Gran Cancelliere ha quindi illustrato la missione dell’Ordine di Malta, la sua presenza nel mondo e i suoi programmi a lungo termine per aiutare i bisognosi e i più vulnerabili in questo momento particolarmente difficile. “Le unità sanitarie dell’Ordine di Malta sono impegnate nella lotta al Covid-19 dall’inizio dell’emergenza, la scorsa primavera. Abbiamo offerto apparecchiature mediche e farmaci a ospedali e cliniche, dispositivi di protezione a medici e infermieri. In molti paesi del mondo ci stiamo adoperando per limitare gli effetti negativi del Covid a livello sociale ed economico sulle fasce più deboli della popolazione”. Il Gran Cancelliere ha anche citato il progetto Doctor to Doctor, attraverso cui l’Ordine organizza incontri online per mettere in contatto medici e autorità sanitarie di diversi paesi con l’obiettivo di promuovere scambi sulle ultime novità mediche nella cura dei pazienti di Covid-19.

    Riguardo allo sviluppo e a un’equa distribuzione del vaccino per il Covid-19, Boeselager ha detto: “L’Ordine di Malta condivide e sostiene con forza le parole di Papa Francesco e l’appello lanciato lo scorso marzo dal presidente tedesco Steinmeier e da altri quattro Capi di Stato. Noi crediamo che una distribuzione equa, ampia e rapida del vaccino nel mondo sia non solo etica, ma essenziale dal punto di vista scientifico per contenere le possibili nuove ondate della pandemia”.

    Questa è la prima Assemblea generale delle Nazioni Unite a tenersi da remoto nella storia dell’Onu. Come ha rimarcato il Segretario generale Antonio Guterres, l’Assemblea generale è un “dibattito dei popoli che promette di essere la più ampia e vasta conversazione globale mai tenuta sulla costruzione del futuro che vogliamo”.

    Munich Security Conference

    Il Gran Cancelliere del Sovrano Ordine di Malta, Albrecht Boeselager, ha partecipato alla Conferenza sulla sicurezza di Monaco 2020, che si è svolta dal 14 al 16 febbraio nella città tedesca. L’evento, che si tiene da più di 50 anni, riunisce centinaia di leader della vita politica, delle organizzazioni internazionali, delle imprese e della società civile per discutere alcune delle questioni più urgenti per il mondo.

    Quest’anno più di 30 capi di Stato e di governo e quasi 100 ministri hanno partecipato ai due giorni di lavoro della conferenza.

    I principali temi discussi nel corso dell’evento sono stati il ruolo dell’Europa e le modalità per rafforzare la sua influenza nel mondo, l’ascesa dei nazionalismi, i cambiamenti climatici e i rischi per la salute globale posti da epidemie come quella del coronavirus.

    Oltre alla Conferenza, si sono tenuti diversi eventi collaterali dedicati a temi specifici. Albrecht Boeselager ha partecipato alla tavola rotonda sulla “Sicurezza transnazionale” riguardante le sfide poste da flussi illeciti – di armi, droghe e traffico di persone – e alle relative minacce che pongono alla sicurezza transnazionale. La discussione si è incentrata sulla necessità di rafforzare la cooperazione tra Stati, organizzazioni internazionali e attori non statali.

Archivio Notizie

SELEZIONA ANNO
institutionalappointment it

Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Palazzo Magistrale, Via Condotti, 68 – 00187 Roma – Italia

Tel. +39.06.67581.1, [email protected]