Questo sito utilizza cookie tecnici o assimiliati e cookie di profilazione di terze parti in forma aggregata, per rendere più agevole la navigazione e garantire la fruizione dei servizi. Per saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie consulta la nostra Cookie Policy. Chiudendo questo banner, si acconsente all'uso dei cookie.

Chiudi
Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Notizie

Seconda giornata di lavori del Transatlantic Policy Network on Religion and Diplomacy

16/06/2022 


Albrecht Boeselager: valorizzare ruolo istituzioni religiose nelle aree di crisi e conflitto

È in corso a Roma la riunione del Transatlantic Policy Network on Religion and Diplomacy, l’organizzazione che riunisce diplomatici e accademici europei e statunitensi per promuovere la consapevolezza del ruolo delle religioni nella diplomazia e negli affari internazionali. Organizzato dall’Ordine di Malta nella Villa Magistrale – una delle sedi di governo dell’Ordine – alla riunione partecipano oltre venti persone, tra rappresentanti di istituzioni di stati membri dell’Unione Europea, degli Stati Uniti e professori universitari. La tre giorni si è aperta ieri pomeriggio e prosegue oggi alla presenza della Viceministra per gli Affari Esteri Italiana Marina Sereni. In agenda il ruolo delle istituzioni religiose e della diplomazia umanitaria nelle aree di crisi, in particolare alla luce della guerra in Ucraina.

Ad aprire la riunione di stamani è stato il Gran Cancelliere dell’Ordine di Malta, Albrecht Boeselager. “La religione ha molti valori condivisi con il mondo secolare in aree come i diritti umani, la conservazione e la protezione dell’ambiente e la giustizia sociale” ha ricordato Boeselager. “I leader religiosi svolgono un ruolo importante all’interno delle loro comunità nel formare i comportamenti e la comprensione del mondo circostante da parte delle persone. Pertanto, la consultazione con i leader religiosi dovrebbe essere un aspetto intrinseco dell’attività diplomatica” ha scandito il Gran Cancelliere spiegando che la globalizzazione e il cambiamento della natura dei conflitti, con l’emergere di nuovi attori non statali, hanno messo a nudo i limiti della diplomazia convenzionale, aprendo la strada a una nuova forma di diplomazia che pone l’accento sul dialogo, sul rispetto reciproco e sulla comprensione.

La Viceministra Sereni, che ha avuto un breve colloquio con il Gran Cancelliere Boeselager prima dell’inizio dei lavori, ha condannato i tentativi di manipolazione e strumentalizzazione delle religioni. Un fenomeno che “oggi possiamo combattere – ha detto – riconoscendo l’importanza del ruolo delle istituzioni religiose nella gestione degli affari sociali e politici”. Marina Sereni ha ricordato alcune delle tappe fondamentali che hanno contribuito ad accelerare il processo di dialogo e collaborazione interreligioso citando tra gli altri lo storico Documento sulla Fratellanza Umana per la pace mondiale e la convivenza comune firmato negli Emirati Arabi nel 2019 da Papa Francesco e dal Grande Imam di Al-Azhar. Nel corso del suo intervento, la Viceministra ha inoltre presentato il nuovo inviato della Farnesina per il Dialogo, gli Affari Esteri e la Cooperazione Internazionale, il Consigliere Andrea Benzo.

Si tratta del secondo incontro del Transatlantic Policy Network on Religion and Diplomacy

organizzato in una sede dell’Ordine: nel 2015, l’allora neonato forum aveva partecipato ad una riunione alla Villa Magistrale e pochi mesi fa una delegazione dell’Ordine di Malta aveva preso parte ad un incontro organizzato a Berlino.

La riunione prosegue domani con l’incontro in Vaticano con Monsignor Miroslaw Stanislaw Wachowski, Sottosegretario per i Rapporti degli Stati con la Santa Sede e con il Cardinale Peter Turkson, cancelliere della Pontificia accademia delle scienze sociali.

seconda giornata lavori transatlantic policy network on religion and diplomacy

Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta

Palazzo Magistrale, Via Condotti, 68 – 00187 Roma – Italia

Tel. +39.06.67581.1, [email protected]