Sovrano Militare Ordine
Ospedaliero di San Giovanni di
Gerusalemme di Rodi e di Malta

News

Guerra in Ucraina: L’Ordine di Malta amplia i suoi programmi di sostegno

Il Grand’Ospedaliere Fra' Alessandro de Franciscis in visita in Polonia e Ucraina
22/02/2023

L’Ordine di Malta sta ampliando i suoi progetti in Ucraina a sostegno della popolazione. Dall’inizio della guerra, un anno fa, le entità internazionali e nazionali e i partner dell’Ordine di Malta hanno distribuito mezzo milione di pasti caldi agli sfollati interni, fornito 19.000 posti letto in rifugi e generatori, formato 13.000 persone in primo soccorso e trasferito 16 ambulanze.

Il Malteser International, l’agenzia di soccorso mondiale dell’Ordine di Malta, ha annunciato che aumenterà i programmi di sostegno psicosociale e di fornitura di aiuti, soprattutto nella parte orientale del Paese.

“I bambini di tutto il Paese stanno soffrendo per la guerra. La loro psiche sta cambiando. Non possono più pensare liberamente in modo infantile”, osserva Pavlo Titko, responsabile del Malteser Ucraina. L’organizzazione umanitaria offre programmi di sostegno psicosociale in Ucraina dal 2014. Poiché la frequenza scolastica non è possibile o lo è solo in misura limitata in tutto il Paese, i bambini e i giovani imparano molto meno e in modo meno efficace.

La distribuzione di generatori, power bank, coperte, sacchi a pelo, articoli per l’igiene e cibo nei villaggi e nelle città direttamente colpiti dai bombardamenti comporta anche il massimo rischio per la vita degli operatori umanitari. “Può succedere qualcosa in ogni trasporto verso le zone di guerra”, dice Titko. “Ma la volontà di sostenere la popolazione particolarmente colpita è molto forte in tutto il Paese”, afferma.

In vista del primo anniversario della guerra, il Grand’ Ospedaliere dell’Ordine di Malta Fra’ Alessandro de Franciscis si recherà in visita in Polonia e Ucraina nei prossimi giorni. Il Grand’ Ospedaliere incontrerà il personale e i volontari dell’Ordine di Malta che hanno realizzato i numerosi progetti umanitari.

Nel primo anno di guerra, il Malteser International ha consegnato 8.700 tonnellate di beni di soccorso dalla Germania all’Ucraina o ai paesi limitrofi. I centri logistici in Germania, Polonia e Ucraina hanno garantito uno stoccaggio temporaneo affidabile e la consegna delle forniture di soccorso dove sono più necessarie.

La presenza dell’Ordine di Malta in Ungheria, Romania, Polonia, Slovenia, Slovacchia, Lettonia e Lituania sta assicurando assistenza 24 ore su 24 ai rifugiati attraverso progetti medico-sociali, sostegno psicologico, fornitura di prodotti sanitari e igienici, cibo e alloggi. L’impegno dei Gran Priorati e delle Associazioni dell’Ordine di Malta nella raccolta e nel trasporto di beni di prima necessità anche da paesi extraeuropei è meritevole e reso possibile anche dalla rete diplomatica dell’Ordine di Malta, che fin dall’inizio della guerra è stata attiva sia a livello operativo per facilitare i progetti di assistenza, sia a livello diplomatico con appelli alla comunità internazionale.