Sovrano Militare Ordine
Ospedaliero di San Giovanni di
Gerusalemme di Rodi e di Malta

Discorso del Luogotenente di Gran Maestro Fra’ John T. Dunlap al Corpo Diplomatico accreditato presso il Sovrano Ordine di Malta

10/01/2023

Il Luogotenente di Gran Maestro Fra’ John Dunlap ha tenuto oggi l’Udienza di inizio anno con il Corpo Diplomatico accreditato presso il Sovrano Ordine di Malta. L’Udienza ha avuto luogo nella Villa Magistrale a Roma ed è stata trasmessa in diretta streaming. Erano presenti anche gli Ambasciatori di Stati Uniti, Gran Bretagna, Australia, Belgio, Svezia, Svizzera, Andorra e gli Incaricati d’affari di Francia e Taiwan.

Dopo il discorso del Decano del Corpo diplomatico, l’ambasciatore del Camerun Antoine Zanga, il Luogotenente di Gran Maestro ha pronunciato il suo discorso che riportiamo integralmente qui di seguito.

Signor Decano, Eccellenze, Signore e Signori,

Sono molto lieto di accogliervi oggi per la tradizionale udienza di inizio anno al Corpo diplomatico accreditato presso il Sovrano Ordine di Malta.

Ringrazio sinceramente l’ambasciatore del Camerun, S.E. Antoine Zanga, per le sue parole ispiratrici e incoraggianti. Vorrei anche rivolgere un caloroso saluto ai nuovi ambasciatori di Serbia, Costa d’Avorio, Senegal, Filippine, Italia, Egitto, Spagna, Repubblica Dominicana, Perù, Grecia, Bolivia, Polonia, Cile, Thailandia, Ucraina, Portogallo, Austria, Ecuador e Macedonia del Nord, che hanno presentato le loro credenziali e hanno iniziato la loro preziosa missione nel corso del 2022.

Ci troviamo nel mezzo di numerose crisi.

Il Covid-19 ha avuto un forte impatto sulle nostre vite: la Banca Mondiale stima che la pandemia abbia innescato una delle peggiori crisi economiche dal 1870, spingendo ai margini milioni di persone. La guerra in Ucraina ha ulteriormente aggravato la situazione, in primo luogo per il popolo ucraino, con conseguenze di vasta portata. L’impennata dei costi delle materie prime e dell’energia sta portando molte economie alla recessione.

Quasi 8 milioni di ucraini sono fuggiti dai bombardamenti e dalle devastazioni e la maggior parte ha cercato rifugio nell’Unione Europea. Molti Paesi europei hanno dimostrato grande generosità nell’accoglierli, nell’ambito del programma di protezione temporanea per gli ucraini, ma ora stanno affrontando sfide estreme sulla scia della crisi economica ed energetica. L’inverno ha peggiorato le condizioni degli sfollati, creando maggiori rischi per la salute.

Ci uniamo ai continui appelli lanciati negli ultimi mesi da Sua Santità Papa Francesco che chiede con forza la pace in Ucraina. Faccio fatica ad accettare ulteriori morti, feriti, sofferenze e distruzioni. Incoraggiamo fortemente il dialogo e la diplomazia rispetto all’uso delle armi.

Come ordine ospedaliero – con una missione di aiutare chi è nel bisogno – questa doppia crisi sta mettendo alla prova la nostra capacità di rispondere ai crescenti bisogni in tutto il mondo. In questo periodo così impegnativo, il nostro dovere è quello di far luce anche sulle tante guerre dimenticate che si combattono in diversi angoli del mondo.

Nello Yemen, la carestia causata da una guerra civile che dura da 8 anni sta uccidendo migliaia di persone; la guerra in Siria, che dura da 11 anni, ha costretto più della metà della popolazione a lasciare le proprie case; in Etiopia, la guerra civile ha causato quasi 800.000 morti e 2,5 milioni di sfollati in due anni. Nonostante il cessate il fuoco firmato all’inizio di novembre, i massacri e le violenze non si fermano. Dopo oltre un decennio di instabilità, lo stallo politico in Libia si sta incancrenendo e la prospettiva di una nuova guerra è incombente, mentre la situazione umanitaria in Myanmar è peggiorata dopo il colpo di stato militare del 2021.

Siamo profondamente preoccupati anche per la situazione umanitaria nel Nagorno Karabakh e dovremmo fare del nostro meglio per salvaguardare la libertà e la sicurezza di movimento tra l’Armenia e il Nagorno Karabakh. L’Ordine di Malta incoraggia l’Armenia e l’Azerbaigian a lavorare per una soluzione pacifica delle loro controversie.

Non posso esimermi dal menzionare altri conflitti e tensioni nel Caucaso, in particolare in Georgia.

Esprimo la mia grave preoccupazione per le gravi violazioni dei diritti umani perpetrate in alcuni Paesi contro civili indifesi attraverso discriminazioni, violenze, torture e condanne a morte. Spero che la comunità internazionale intensifichi la propria azione per fermare queste terribili violazioni e il mancato rispetto dei diritti umani fondamentali.

La guerra è il nemico numero uno dello sviluppo e della prosperità. Quando i conflitti si protraggono, la povertà aumenta, la violenza e gli abusi si moltiplicano, così come l’inosservanza dei diritti umani. Le guerre e i cambiamenti climatici aumentano le disuguaglianze, la povertà e la frammentazione del mondo in blocchi geopolitici. Per la prima volta dopo molti anni, l’inflazione mette a dura prova molti Paesi.

Attualmente stiamo assistendo a un aumento di malattie che un tempo credevamo sconfitte. Mentre la tubercolosi è aumentata di quasi il 5% nell’ultimo anno, la resistenza agli antibiotici sta salendo a livelli pericolosamente alti in tutte le parti del mondo, rappresentando una minaccia per la salute globale, la sicurezza alimentare e lo sviluppo.

Si tratta di uno scenario terribile, ma anche di un campanello d’allarme per tutti noi. È il momento di unire le forze per assistere e aiutare i più vulnerabili, con azioni concrete ma anche dando speranza. Come ha recentemente affermato Papa Francesco: “È tempo di accendere candele di speranza in mezzo alle tenebre e di cogliere le opportunità per testimoniare il Vangelo della gioia e costruire un mondo più fraterno”.

Questo desiderio di pace indica chiaramente la strada che dobbiamo percorrere e l’obiettivo a cui dobbiamo tendere. L’udienza di oggi mi offre l’opportunità di illustrare il nostro impegno a livello mondiale con le migliaia di iniziative mediche e sociali che abbiamo sviluppato, nonché di ripercorrere un anno pieno e impegnativo per il Sovrano Ordine di Malta.

Voglio chiaramente sottolineare che tutte queste iniziative sono rese possibili grazie alla collaborazione dei Paesi che rappresentate e grazie al vostro impegno e sostegno. Se siamo in grado di alleviare le sofferenze e migliorare le condizioni di vita di così tante persone in tutto il mondo, è grazie ai nostri membri, dipendenti, volontari e donatori, ma anche grazie alle nostre relazioni diplomatiche con i Paesi in cui operiamo.

***

Questo è un momento di grande dolore per tutta la Chiesa e per tutti coloro che hanno avuto la grazia di conoscere Sua Santità Benedetto XVI, ma è anche un’occasione di gioia spirituale per il completamento del viaggio terreno e della missione affidatagli come fedele servitore del Signore e della Chiesa.

L’Ordine di Malta ha avuto l’onore di avere per molti anni l’allora cardinale Joseph Ratzinger tra i suoi membri più illustri.
La morte improvvisa del mio predecessore Fra’ Marco Luzzago, avvenuta lo scorso giugno, è stata un grande shock per tutti noi. Era un uomo di pace che ha dedicato una parte importante della sua vita alle opere del nostro Ordine con disciplina, umiltà e benevolenza.

L’Ordine è sopravvissuto a molte tempeste durante i molti secoli della sua esistenza e ne è sempre uscito rafforzato con una costante espansione nel corso degli anni.

***

Oggi l’Ordine opera nei teatri di guerra e nelle periferie della città. Lotta contro la povertà, l’emarginazione e il traffico di esseri umani, cura le malattie trascurate e combatte i cambiamenti climatici. La sua missione si evolve e si adatta alle sfide attuali.

1. Aiuto ai rifugiati e alle vittime di conflitti e guerre

Attualmente molti dei nostri sforzi sono rivolti ad aiutare la popolazione dell’Ucraina. Dal primo giorno della vasta guerra in Ucraina, il nostro servizio di soccorso nel Paese ha fornito aiuti umanitari, si è occupato dei rifugi per gli sfollati, ha distribuito pasti caldi ai profughi – nelle stazioni ferroviarie e ai valichi di frontiera – ha attuato un programma invernale per ripristinare gli edifici distrutti e ha organizzato campi per i bambini sfollati. Supporto psicosociale è stato fornito fin dal 2014 e ora 38 punti di assistenza psicologica sono attivamente operativi in diverse regioni dell’Ucraina. Di recente è stato avviato un ulteriore progetto per la creazione di protesi a Leopoli e sono stati lanciati molti nuovi progetti speciali per aiutare le persone nelle regioni in prima linea, come Odessa, Kherson, Zaporizhzhya e Kharkiv.

Anche le nostre Associazioni nei paesi limitrofi hanno lavorato 24 ore su 24 per fornire assistenza e protezione ai numerosi rifugiati che attraversano i confini. L’Ordine di Malta in Polonia, Ungheria, Slovacchia e Romania ha soccorso migliaia di persone, offrendo loro assistenza medica, cibo, alloggio, assistenza logistica e legale. Altre entità europee dell’Ordine di Malta – dalla Germania alla Francia – hanno organizzato turni di volontari, spedizioni di beni di prima necessità e il trasporto di malati e feriti in luoghi sicuri.

Questi sforzi sono stati coordinati dal Malteser International, l’agenzia di soccorso internazionale dell’Ordine di Malta, e dalla nostra rete di Associazioni che hanno agito rapidamente per attuare una risposta coordinata ed efficiente, mettendo risorse e know-how in prima linea. La rete diplomatica dell’Ordine di Malta ha svolto un ruolo fondamentale nel garantire che i beni umanitari fossero consegnati nelle mani dei bisognosi e che il personale sul campo fosse protetto dalle leggi internazionali di tutela. Innumerevoli appelli sono stati lanciati anche dai nostri osservatori permanenti presso le Nazioni Unite a New York e a Ginevra, per porre fine alle ostilità e proteggere i civili. L’Ordine di Malta ha anche messo in evidenza il rischio del traffico di esseri umani, una piaga che si aggrava nei teatri di guerra. A tal scopo, sono state avviate campagne per proteggere soprattutto donne e bambini – che costituiscono la maggior parte dei rifugiati – dal finire nelle mani di bande criminali.

Questa risposta coordinata, che unisce “progetti concreti” – attuati da professionisti qualificati – sostenuti dalla rete diplomatica e istituzionale globale, è stata essenziale per fornire aiuti tempestivi. Il modus operandi dell’Ordine di Malta è quello di garantire che tutti gli sforzi siano finalizzati ad aiutare i bisognosi nel miglior modo possibile.

Lo stesso vale per altre aree di crisi. Dal 2011, le équipe mediche del Malteser International forniscono aiuti e assistenza ai rifugiati siriani in fuga dalla guerra. Sono state allestite unità mediche mobili e campi per soccorrere i feriti e i malati e sono stati attuati numerosi programmi nelle regioni circostanti per fornire assistenza sanitaria e sostegno ai rifugiati. In Turchia, l’Ordine di Malta gestisce programmi educativi per i bambini siriani e offre progetti di integrazione alle famiglie. In Iraq, ci occupiamo di rifugiati e sfollati da quasi dieci anni, con una presenza permanente sul territorio. Siamo impegnati in un programma globale di ricostruzione per aiutare soprattutto le minoranze sfollate a tornare alle loro case a Ninive, nel nord del Paese, aiutando le piccole e medie imprese a ripartire, creando posti di lavoro e per la formazione, promuovendo la coesione sociale e la coesistenza pacifica tra i vari gruppi etnico-religiosi e migliorando l’accesso all’assistenza sanitaria.

Forniamo un sostegno costante a molte altre comunità costrette a fuggire dai loro Paesi, ad esempio ai rifugiati venezuelani in Colombia e ai rifugiati Rohingya in Thailandia.

2. Sostenere le comunità locali, proteggere i vulnerabili e migliorare i mezzi di sussistenza

L’Ordine di Malta continua a svolgere un ruolo importante in Terra Santa. A Betlemme gestiamo un ospedale per la maternità dove ogni anno nascono oltre 4.600 bambini. Questa settimana abbiamo festeggiato la nascita del 100millesimo bambino nell’ospedale. Le difficili condizioni dei palestinesi in Cisgiordania – con la crisi pandemica che ha colpito duramente la comunità e i problemi economici e sociali che quella regione deve affrontare – hanno aumentato il numero di nascite premature e molte madri soffrono di malnutrizione e altre malattie legate alla povertà. L’Ospedale della Sacra Famiglia si prende cura delle madri e dei bambini più vulnerabili: il suo reparto di terapia intensiva neonatale – l’unico nella regione – cura molti neonati con malattie congenite, alcuni dei quali nati a sole 25 settimane. La clinica medica mobile gestita dall’ospedale assiste molte donne che vivono nel deserto. Per la maggior parte di loro questa è l’unica possibilità di accesso all’assistenza sanitaria e di sottoporsi a monitoraggi prenatali ed esami del sangue.

In Libano – dove la situazione politica ed economica è molto preoccupante – l’Ordine di Malta gestisce una dozzina di centri medici in tutto il Paese e sviluppa una serie di progetti in collaborazione con le comunità sunnite e sciite. Questi programmi fortemente radicati insieme alle diverse comunità dimostrano chiaramente che quando le religioni uniscono le forze per azioni umanitarie, non solo promuovono la giustizia sociale e la pace e difendono i diritti umani e i valori della vita, ma soprattutto costruiscono ponti e abbattono muri.

Per quanto riguarda il Levante, la persistente diminuzione di cristiani, tradizionale elemento di dialogo e stabilità nella regione, è per noi motivo di continua apprensione.

I progetti dell’Ordine di Malta per l’adattamento ai cambiamenti climatici sono in costante aumento, come ha sottolineato il nostro recente incontro con le associazioni dell’Ordine di Malta dell’area Asia Pacifico, tenutosi lo scorso ottobre. Quattro mesi dopo le devastanti inondazioni in Pakistan, il Paese sta ancora lottando con le gravi conseguenze. Per sostenere la popolazione della provincia meridionale del Sindh, particolarmente colpita e densamente popolata, il Malteser International sta ampliando gli aiuti. Oltre alle squadre mediche mobili che continuano a fornire cure gratuite a circa 200 pazienti al giorno, le organizzazioni partner locali stanno distribuendo alla popolazione denaro, tende, contenitori d’acqua, pastiglie per la purificazione dell’acqua e pacchetti di cibo. Poiché milioni di abitanti hanno perso le loro case, siamo presenti per sostenere le comunità nella ricostruzione delle loro abitazioni.
Allo stesso modo, stiamo ampliando il raggio d’azione in Africa, dove guerre civili, povertà e siccità continuano ad allontanare le persone dalle loro case. Nel settembre 2021, il governo del Kenya ha dichiarato la siccità nelle regioni settentrionali del Paese un disastro nazionale. La situazione è drammatica: circa 36 milioni di persone nel Corno d’Africa dipendono dagli aiuti esterni e in Kenya 4-5 milioni di persone sopravvivono solo grazie agli aiuti umanitari. Insieme ai nostri collaboratori locali, l’Ordine di Malta fornisce aiuti di emergenza nell’area colpita. In Sud Sudan, abbiamo recentemente aperto un nuovo centro sanitario nella contea di Yei River, nel sud del Paese, una regione in cui l’accesso all’assistenza sanitaria è stato fortemente limitato a causa della guerra civile in corso che ha causato la distruzione di molte infrastrutture.

Con il sostegno di Ordre de Malte France, solo pochi mesi fa è stato inaugurato un reparto maternità nel nord del Camerun, la regione con il più alto tasso di natalità del Paese, mentre l’ospedale dell’Ordine di Malta a Djougou, nel nord del Benin, continua a operare da centro di riferimento regionale per le mamme e i neonati del Paese.

Nelle Americhe, il Sovrano Ordine di Malta continua il suo impegno nel fornire sostegno alle popolazioni dell’America Centrale, ripetutamente colpite da catastrofi naturali. Cibo, distribuzione di beni e progetti sanitari vengono realizzati in collaborazione con le comunità locali.

Il nostro impegno a favore delle comunità più bisognose si sta espandendo: in diversi Paesi dell’Europa orientale sosteniamo la comunità Rom e sviluppiamo progetti per migliorare la loro integrazione nella società, mentre in Sudafrica forniamo assistenza medica ai pazienti affetti da HIV-AIDS e ci prendiamo cura di numerosi bambini rimasti orfani a causa della malattia.

3. Aiutare i poveri, i disabili e gli emarginati

Ogni anno rinnoviamo il nostro impegno a favore dei poveri. Le nostre mense per gli indigenti ed i nostri programmi di distribuzione dei pasti aiutano milioni di persone in tutto il mondo. Ogni anno vengono distribuiti oltre 5,5 milioni di pasti e, con l’incombere di una crisi alimentare globale di enormi proporzioni, stiamo facendo del nostro meglio per aumentare la portata della nostra azione sia nelle città più popolose che nelle aree più remote.

Continuiamo inoltre a prenderci cura degli anziani sia con progetti di assistenza domestica sia con le nostre case di riposo, soprattutto in Europa, dove gestiamo molte strutture con programmi avanzati per persone affette da demenza e Alzheimer. L’ultima struttura è stata inaugurata solo pochi mesi fa a Vienna, in Austria.

Negli Stati Uniti guidiamo il progetto di pastorale carceraria, per dare sostegno alla popolazione detenuta, alle loro famiglie e alla vita dopo la detenzione, fornendo supporto sociale e psicologico e aiutandoli a riprendere la loro vita nella società. Il programma, attualmente in corso, è attivo in 36 Stati del paese.

Il sostegno ai disabili è un’attività centrale dell’Ordine di Malta e permettetemi di ricordare l’incredibile lavoro che i nostri volontari svolgono ogni anno per preparare il Campo estivo internazionale per giovani disabili. Un progetto che viene realizzato da circa 40 anni e che ogni anno, in un paese europeo diverso, riunisce centinaia di giovani volontari e disabili provenienti da oltre 20 paesi per trascorrere insieme una settimana all’insegna di attività all’aria aperta, visite turistiche, interazione sociale e sostegno spirituale. Posso assicurarvi che la gioia e la gratitudine che ho sempre colto negli occhi dei nostri giovani ospiti è commovente e travolgente e sono lieto che quest’anno siamo riusciti a riprendere i campi dopo l’interruzione di due anni causata dalla pandemia. Al campo internazionale si aggiungono numerosi campi a livello nazionale in tutto il mondo.

4. Principali visite ed eventi istituzionali e impegni diplomatici

L’anno 2022 ha visto un graduale aumento degli eventi istituzionali per il Gran Magistero. In primo luogo, ho avuto l’onore di rendere visita al Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, con il quale ho avuto una significativa e proficua conversazione. Al termine di questa udienza, riceverò il Vicepresidente del Consiglio e Ministro degli Esteri italiano, Antonio Tajani. Nel corso dell’anno ho avuto anche il piacere di incontrare il Presidente dell’Albania.

Inoltre, sono state accolte nella sede dell’Ordine di Malta le Autorità straniere di Panama, El Salvador, Argentina, Taiwan, Armenia, Bielorussia, Bosnia-Erzegovina, Lettonia, Slovenia, Repubblica Ceca e Romania.

Tra i punti salienti dell’anno in termini di impegni diplomatici, vorrei citare la partecipazione dell’Ordine di Malta alla Conferenza sulla Sicurezza di Monaco di Baviera a febbraio, dove abbiamo organizzato un simposio su migrazione e sicurezza. Il nostro Dipartimento degli Affari Esteri sta preparando il nostro contributo anche per la Conferenza di quest’anno, che rappresenta uno dei migliori forum internazionali sulle principali sfide di politica estera e di sicurezza del nostro tempo.

Restiamo inoltre impegnati a rafforzare il ruolo delle istituzioni basate sulla fede sulla scena internazionale e a tal fine abbiamo organizzato lo scorso giugno qui a Roma una riunione del Transatlantic Policy Network on Religion and Diplomacy, un forum di diplomatici dell’Europa e del Nord America che si riunisce regolarmente per promuovere la collaborazione sulla geopolitica delle religioni e per far progredire la consapevolezza religiosa.

Le statistiche mostrano che l’85% della popolazione mondiale professa una religione o una fede che condivide principi come la fratellanza, il rispetto e la misericordia, la compassione. È crescente la responsabilità per i leader religiosi e le istituzioni basate sulla fede nel testimoniare e professare congiuntamente i valori di solidarietà, generosità, tolleranza, ospitalità e rispetto della dignità umana che dovrebbero guidare lo sviluppo armonioso delle società e delle relazioni internazionali.

Non possiamo fare a meno di notare il ruolo crescente che la religione sta assumendo nelle relazioni internazionali e l’importanza che la promozione e la protezione della libertà di religione o di credo stanno assumendo sia a livello bilaterale che multilaterale. L’Ordine di Malta è presente, come membro o come osservatore, nei forum internazionali – in particolare presso le Nazioni Unite a New York, Ginevra e Vienna – contribuendo con i suoi valori, la sua esperienza, le sue idee e le sue proposte.

Abbiamo partecipato alla Conferenza ministeriale internazionale sulla libertà di religione o di credo, tenutasi a luglio a Londra, che ha riaffermato il nostro costante impegno nella promozione del dialogo interreligioso e del ruolo delle istituzioni basate sulla fede.
L’Ordine ha partecipato attivamente, in qualità di osservatore, all’ultima Assemblea Generale dell’Unione Parlamentare Internazionale (UIP), tenutasi lo scorso ottobre a Kigali.

Lo scenario internazionale si sta evolvendo rapidamente e anche la diplomazia non è più quella tradizionale del
secolo scorso, ma l’Ordine di Malta, con tutte le sue componenti, è ben strutturato per affrontare le nuove sfide.

***

Mentre ci prepariamo ad affrontare una crisi alimentare globale senza precedenti, e mentre i cambiamenti climatici e le guerre continuano ad avere effetti domino e di vasta portata, l’Ordine di Malta rinnova il suo impegno ad aiutare chi ha bisogno. Non abbiamo i numeri delle grandi agenzie internazionali, ma come diceva il pittore Vincent Van Gogh: “Le grandi cose si fanno con una serie di piccole cose messe insieme”. Ed è questo che facciamo: rammendiamo e cuciamo, nutriamo e sfamiamo, accompagniamo e ascoltiamo.
Care Eccellenze, Signore e Signori, vi prego di accettare i miei migliori auguri per un 2023 felice e sereno con tutte le benedizioni di nostro Signore. Grazie.

Happy New Year, Buon anno, Bonne et heureuse année , próspero año nuevo!