Sovrano Militare Ordine
Ospedaliero di San Giovanni di
Gerusalemme di Rodi e di Malta

Assalto nel sud-est dell’Afganistan: uccisi due dipendenti del malteser

05/08/2004

Due componenti il personale locale del Corpo di Soccorso Tedesco dell’Ordine di Malta (Malteser) sono stati uccisi in una imboscata nel sud-est dell’Afghanistan il 3 agosto scorso. Stavano tornando da Neak Nam nel Distretto di Zurmat, Provincia di Paktia, quando intorno alle cinque del pomeriggio contro la loro automobile sono stati esplosi colpi di arma da fuoco partiti da un altro veicolo. Mohammed Idrees Sadiq è morto subito, mentre Emal Abdul Samad, di 19 anni, è stato trasportato in elicottero all’ospedale di Bagram, dove è deceduto a causa delle gravi ferite riportate.

“Piangiamo la morte dei nostri due colleghi. Il nostro più profondo cordoglio è rivolto alle loro famiglie” ha dichiarato il direttore del Malteser Ingo Radke, a nome di tutta l’organizzazione. “Siamo profondamente colpiti dall’atrocità di questo delitto” ha aggiunto Radke “e siamo davvero molto preoccupati per l’aumento del livello di insicurezza in Afghanistan dovuto alle ormai prossime elezioni”. A seguito di questo tragico evento il Malteser sospenderà le proprie attività nel sud-est dell’Afghanistan fino a nuova comunicazione.

Su incarico dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR), che ha aperto un’inchiesta sull’accaduto, il Corpo di Soccorso Tedesco dell’Ordine di Malta sta favorendo il ritorno e la reintegrazione degli espatriati nella regione. Il Corpo di Soccorso Tedesco è impegnato nella ricostruzione delle infrastrutture e a favorire la stabilizzazione economica attraverso attività che permettono la generazione di reddito nelle comunità locali.

Il Corpo di Soccorso Tedesco dell’Ordine di Malta è presente in Afghanistan dal 2002. Attualmente sta lavorando in sette province e nella capitale Kabul: 20 persone di diverse nazionalità insieme a 250 afgani contribuiscono con diversi progetti alla ricostruzione e allo sviluppo del paese.