Sovrano Militare Ordine
Ospedaliero di San Giovanni di
Gerusalemme di Rodi e di Malta

Visita ufficiale del Segretario di Stato per gli Affari Esteri della Repubblica di Slovenia

19/05/2022

Il Segretario di Stato per gli Affari Esteri della Repubblica di Slovenia, Stanislav Raščan, è stato ricevuto oggi al Palazzo Magistrale dal Segretario generale per gli Affari Esteri dell’Ordine di Malta, ambasciatore Stefano Ronca.

Nel corso dell’incontro è stato firmato un accordo di cooperazione che consente un ulteriore sviluppo delle attività sociali e umanitarie dell’Ordine nel Paese, in ambito medico e sociale. L’Ordine di Malta ha molti programmi in corso in Slovenia, portati avanti dalla sua Associazione nazionale, dal Corpo di soccorso e dall’Ambasciata. Questi progetti si concentrano soprattutto sui servizi di pronto soccorso (specialmente nei luoghi di pellegrinaggio), su assistenza medica e sociale, fornitura di acqua ed elettricità alle comunità Rom, distribuzione di sacchi a pelo e vestiario ai bisognosi, donazioni di attrezzature mediche, distribuzione di cibo e prodotti per l’igiene.

Soddisfazione per la firma dell’accordo di cooperazione è stata espressa dal Gran Cancelliere del Sovrano Ordine di Malta, Albrecht Boeselager, presente alla cerimonia.

Stanislav Raščan ha ringraziato l’Ordine di Malta, la sua Associazione slovena e la sua Ambasciata a Lubiana per l’importante contributo garantito al suo Paese nel corso degli anni, sia per i numerosi servizi sociali offerti alla popolazione, ma anche più di recente durante l’emergenza Covid-19 e la crisi dei profughi ucraini.

Nel corso dei colloqui sono stati sottolineati gli eccellenti rapporti bilaterali. La guerra in Ucraina e le iniziative della Repubblica di Slovenia e dell’Ordine di Malta per aiutare i profughi e mitigare le conseguenze del conflitto sono state al centro dell’incontro.

I rapporti diplomatici tra l’Ordine di Malta e la Slovenia sono stati istituiti nel 1992: quest’anno ricorre il 30esimo anniversario. Nel corso degli anni ci sono state molte visite ad alto livello, l’ultima nel 2019 a livello di capi di Stato.